Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaPolitica › Cinque Stelle dal palco di Cagliari. «Stop alle cartelle di Equitalia»
Stefano Idili 22 dicembre 2014
Parte da Cagliari la campagna contro Equitalia del Movimento Cinque Stelle. Manifestazione davanti alla sede di via Asproni. Duro attacco al Governo Renzi
Cinque Stelle dal palco di Cagliari
«Stop alle cartelle di Equitalia»


CAGLIARI - Parte da Cagliari la campagna contro Equitalia del Movimento Cinque Stelle. Davanti alla sede dell'agenzia nel centro città si è svolta questa mattina la manifestaizone che ha visto numerosi partecipanti e l'intervento di alcuni big dei pentastellati tra cui Roberto Fico e Alessandro Di Battista e poi i sardi Manuela Serra e Manuela Corda.

Dal palchetto di un camion in via Asproni si sono susseguiti gli interventi che hanno avuto come tema principale la richiesta volta al Governo Renzi di far immediatamente sospendere le cartelle inviate ai cittadini. «Gli italiani sono costretti a pagare più tasse e vessazioni imposte da Equitalia per colpa della corruzione che comporta un'ingente evasione nell'intero paese», ha tuonato Di Battista che ha rincarato la dose.

Intervstato ai microfoni di Rai News ha detto. «Visto che voi dovreste svolgere un servizio pubblico e siete pagati dagli italiani, quando fate le interviste dovreste indicare il nome del politico, ad esempio, Formigoni, Renzi, Verdini e scrivere anche che è indigato o quando lo è imputato o condannato». I rappresentanti di Cinque Stelle hanno poi ribadito l'urgenza di mettere di fermare Equitalia prima che sia troppo tardi vista la drammatica crisi che si sta vivendo.


Nella foto la manifestazione di questa mattina a Cagliari
Commenti
12:22
«Negli ultimi mesi si è gradualmente allontanato dal Direttivo e dall’Assemblea, assumendo posizioni via via sempre più individuali». Prosegue la polemica in seno al soggetto politico rappresentato nella Giunta Comunale da Natacha Lampis
© 2000-2016 Mediatica sas