Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaProvincia › «Riforma province apre le porte al caos istituzionale»
S.I. 23 dicembre 2014
Per i Riformatori la riforma apre le porte al caos istituzionale, conserva prebende e poltrone, aumenta il numero dei centri di spesa
«Riforma province apre le porte al caos istituzionale»


CAGLIARI - «La riforma degli enti locali predisposta dalla Giunta apre le porte al caos e a un minestrone di competenze e funzioni che sono l'esatto contrario di quanto chiedevano gli elettori con i referendum: semplificazione, chiarezza di competenze e riduzione dei centri spesa, che sono il vero problema». Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, in merito alla riforma che l'esecutivo regionale si appresta a varare.

«Il sistema che viene istituito - dice ancora Cossa - è a dir poco confuso e macchinoso: vengono riesumate le Province e in aggiunta si prevede la città metropolitana di Cagliari e poi ancora Unioni dei Comuni e associazioni di Unioni di Comuni in un guazzabuglio istituzionale che lascia esterrefatti. Bastava affidare la maggior parte delle competenze ai singoli Comuni e quelle pochissime sovracomunali alla Regione e il gioco era fatto».

Invece, prosegue Cossa, «da dilettanti allo sbaraglio maggioranza e Giunta preferiscono creare strutture e sovrastrutture per continuare a innaffiare piccoli orticelli utili solo a conservare rendite di posizione e poltrone, e a mantenere alta la spesa pubblica». Un disastro che «la Sardegna pagherà ancora una volta molto caro: su questa riforma la nostra opposizione e la nostra vigilanza sarà massima».
Commenti
23/9/2016
La ripartizione a carico delle province e delle città metropolitana è stata effettuata tenendo conto delle spese sostenute dagli stessi enti nel triennio 2013/2015
© 2000-2016 Mediatica sas