Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaPolitica › Sindaco Cagliari, tensioni a destra: «Primarie o un sms da Arcore»
Stefano Idili 29 dicembre 2014
Nonostante l´appuntamento elettorale sia solo nel 2016, a Cagliari la temperatura della politica è in notevole ascesa. Dopo la conferma di Zedda che si ricandiderà, il centrodestra si trova avvolto dalla solita questione delle primarie come dicono i Riformatori
Sindaco Cagliari, tensioni a destra: «Primarie o un sms da Arcore»


CAGLIARI - Manca un anno e mezza circa. Siamo in pieno inverno. Ma la politica cagliaritana, come già anticipato, inizia a diventare molto calda. Motivo? Le elezioni amministrative del 2016. Come detto, la data è ancora piuttosto lontana, ma si tratta di una scadenza molto importante. Sono tanti i motivi della rilevanza di questo appuntamento e tutti gli schieramenti ne sono interessati: il centrodestra (sempre vittorioso, scalzato da Zedda) non può fallire un ritorno a Palazzo Bacaredda. E l'attuale maggioranza sarà di nuovo compatta a sostegno del sindaco che ha annunciato di volersi candidare? Poi l'incognita Cinque Stelle.

Tutto ruota, nonostante venga sempre negato e si cerchi di mettere in primo piano i fantomatici programmi, intorno ai nomi. Ed è così che i Riformatori Sardi rompono gli indugi e ribadiscono una proposta che, da anni, "spacca" sempre il fronte del centrodestra: le primarie. Se nel campo avversario questa è un pratica oramai presente nel dna della coalizione (a volte con risultati poco esaltanti e che nello stesso centrosinistra creano molti problemi), nella compagine che vuole ritornare a governare, ritroviamo sempre lo scontro tra i favorevoli e i contrari.

«Abbiamo letto con piacere l’interessante intervento del Consigliere Tocco sulle prospettive delle prossime elezioni amministrative di Cagliari, nel 2016. Tra le altre cose Tocco si chiede se i Riformatori sardi (e non solo loro) “saranno capaci di condividere un tavolo” e ci pare che sia andato un poco fuori dalle righe perché i Riformatori hanno dimostrato già numerose volte nel passato non solo di essere capaci di “condividere un tavolo” ma addirittura di sapersene fare promotori», queste le parole del coordinamento cagliaritano dei Riformatori Sardi in risposta a quelle dell'alleato forzista Tocco.

«Dice nulla il Forum di Aritzo? Per aiutare Tocco a sciogliere i suoi dubbi, gli facciamo una domanda preliminare noi e poi, eventualmente, da li si riparte: è disposto lui, e il suo partito, a prendere in considerazione le primarie per scegliere il candidato sindaco? Oppure si aspetta che i Riformatori siano in attesa di vederlo cadere dal cielo come un novello Messia , magari dopo un sms da Arcore?». Le elezioni sono ancora lontane, fa freddo, ma la politica a Cagliari, inizia a segnare una temperatura piuttosto calda. E il tema delle primarie nel centrodestra sarà una delle questioni principali che metterà a dura prova i nervi della coalizione.
Commenti
20:38
Ad intervenire senza mezzi termini sulla situazione politica sassarese e sulle conseguenti letture degli analisti politici locali e regionali è Gianpiero Cordedda, segretario provinciale Pd Sassari
22/3/2017
Da sciogliere ancora il nodo-online, in bilico anche alcuni tesserati perché aderenti inizialmente a gruppi consigliari diversi dal Pd. Per chi ad Alghero ha creduto in un Pd unito è l'ennesima delusione. Probabili ricorsi. Il caos che avvolge il partito a livello regionale non risparmia il tesseramento in vista del congresso
21/3/2017
Venerdì la prima assemblea pubblica promossa da Italia Attiva, dove sarà lanciato un sondaggio esplorativo per coinvolgere i cittadini nell’indicazione delle priorità del territorio e nella scelta del futuro candidato sindaco. Nei prossimi giorni saranno distribuiti dai 30 ai 40mila volantini
21/3/2017
Sfiducia ed elezioni sempre più lontane a Sassari nonostante il generale caos all´interno del Partito democratico. Tempi stretti per andare al voto e cosiddetti big in ordine sparso. Lai e Ganau i più risoluti. Riunione riconvocata lunedi prossimo: Sette giorni nei quali Nicola Sanna dovrà dimostrare di aver capito la "lezione"
21/3/2017
Io sono prontissima ad andare a casa se questo dovesse portare nuova linfa vitale a Sassari. Al contrario c’è un sindaco che invece non vuol lasciare una poltrona che, è sotto gli occhi di tutti, non gli appartiene più
© 2000-2017 Mediatica sas