Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaMeteo › Neve a Cagliari, il colonnello Torchiani
M.L.P.C. 31 dicembre 2014
I cagliaritani ci sperano: arriverà la neve in città? Trent’anni fa era successo e in molti si stanno preparando all’eventualità. Ma dal colonnello Torchiani poche speranze: «Freddo sì, ma quasi sicuramente niente fiocchi»
Neve a Cagliari, il colonnello Torchiani


CAGLIARI – Trent’anni fa a Cagliari scendeva la neve. Uno scenario insolito per il capoluogo: Monte Urpinu imbiancato, scuole chiuse, la spiaggia del Poetto innevata. Questa fine di dicembre 2014 si è rivelata altrettanto fredda cosi come i primi giorni dell'anno: da qualche giorno tutta la Sardegna è stretta in una morsa di gelo. Temperature sottozero in tutta l’Isola, da Nuoro a Sassari, neve a bassa quota e venti siberiani. La notte più fredda è il 31 dicembre: l’ultimo dell’anno e il primo gennaio si preannunciano come i più ghiacciati degli ultimi anni.

Cagliarioggi ha intervistato il Colonnello Carlo Torchiani, storico Metereologo: «Nella serata di ieri qualche fiocco è sceso a Monserrato e nel quartiere La Palma ma niente più, è rimasto solo sui tetti. Le speranze di una nevicata sono però basse: il vento è tra grecale e tramontana, quindi tra nord e nord est e Cagliari è protetta dai monti dei Sette Fratelli. Mentre invece dove questa protezione non c’è la neve sta scendendo, ad esempio a Tortolì». Dal 2 di gennaio la perturbazione di attenuerà, riportando la temperatura più alta di circa 8 gradi e facendola rientrare nelle medie del periodo. Tra il 4 e 5 gennaio il Colonnello avverte che ci sarà un nuovo peggioramento: i venti di maestrale soffieranno forti e faranno scendere nuovamente la temperatura.
«Di certo questo sarà un gennaio più freddo del solito: le previsioni a lungo termine ci indicano più perturbazioni e temperature leggermente inferiori alla media».

Quindi per chi si aspettava, dopo trent’anni, la città imbiancata magre speranze: «Solo se il vento dovesse girare, continua Torchiani, ma è difficile. Le nubi non sono consistenti, basta guardare il cielo: non ci troviamo in presenza di nembostrati (le nubi che danno la neve)». Insomma, il colonnello avverte: «Sperare si può se dovesse scendere un po’ di pioggia, qualche goccia potrebbe solidificarsi ma di più non si può dire. Il positivo del freddo di questi giorni è l’utilità per le colture di pesche e ciliegie: questi alberi da frutto hanno necessità di qualche giorno di freddo intenso in modo tale che le gemme, anziché diventare foglie, maturino in frutta».

Nella foto il Colonnello Torchiani
Commenti
9:00 video
53millimetri di acqua sono caduti domenica in due ore su Alghero (la media del mese di luglio parla di 5mm in trenta giorni). Allagamenti in tutti i quartieri di Alghero. Lido sott´acqua come gran parte della viabilità fronte mare, da nord a sud della città. Cantine allagate alla Pietraia, Lido, Sant´Agostino e Calabona. Disagi in aeroporto con due voli cancellati e al mercato civico dove i pluviali non hanno retto alla bomba d´acqua. Anche il centro storico è stato letteralmente investito da un fiume d´acqua. Lungomare chiuso al traffico per diverse ore
14:34
«Allagamenti, presenti ovunque, mettono in luce l´inutilità degli interventi eseguiti fino ad ora in tutto il Comune di Alghero, borgate comprese; mettono in luce lo spreco di denaro pubblico in opere mal eseguite e mal dirette», dichiara il Comitato di Borgata, dopo i disagi di ieri
10:55
Erogazione ripristinata ieri notte in quasi tutti i centri. L’ondata di maltempo ha avuto ripercussioni sugli impianti elettrici al servizio di impianti di sollevamento e potabilizzatori
24/7/2016 video
Pioggia ininterrotta di forte intensità dalla mattina. Lampi e tuoni rendono la giornata surreale. Disagi in diversi quartieri col sistema idrico-fognario in affanno. Lungomare Barcellona chiuso al traffico
16:55
Il nubifragio di domenica ad Alghero, oltre alla conta dei danni fa riemergere prepotentemente le vecchie problematiche della città. La lettera aperta del geometra Raffaele Cadinu che punta il dito sulle opere «mal realizzate» del passato
© 2000-2016 Mediatica sas