Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaMeteo › Neve a Cagliari, il colonnello Torchiani
M.L.P.C. 31 dicembre 2014
I cagliaritani ci sperano: arriverà la neve in città? Trent’anni fa era successo e in molti si stanno preparando all’eventualità. Ma dal colonnello Torchiani poche speranze: «Freddo sì, ma quasi sicuramente niente fiocchi»
Neve a Cagliari, il colonnello Torchiani


CAGLIARI – Trent’anni fa a Cagliari scendeva la neve. Uno scenario insolito per il capoluogo: Monte Urpinu imbiancato, scuole chiuse, la spiaggia del Poetto innevata. Questa fine di dicembre 2014 si è rivelata altrettanto fredda cosi come i primi giorni dell'anno: da qualche giorno tutta la Sardegna è stretta in una morsa di gelo. Temperature sottozero in tutta l’Isola, da Nuoro a Sassari, neve a bassa quota e venti siberiani. La notte più fredda è il 31 dicembre: l’ultimo dell’anno e il primo gennaio si preannunciano come i più ghiacciati degli ultimi anni.

Cagliarioggi ha intervistato il Colonnello Carlo Torchiani, storico Metereologo: «Nella serata di ieri qualche fiocco è sceso a Monserrato e nel quartiere La Palma ma niente più, è rimasto solo sui tetti. Le speranze di una nevicata sono però basse: il vento è tra grecale e tramontana, quindi tra nord e nord est e Cagliari è protetta dai monti dei Sette Fratelli. Mentre invece dove questa protezione non c’è la neve sta scendendo, ad esempio a Tortolì». Dal 2 di gennaio la perturbazione di attenuerà, riportando la temperatura più alta di circa 8 gradi e facendola rientrare nelle medie del periodo. Tra il 4 e 5 gennaio il Colonnello avverte che ci sarà un nuovo peggioramento: i venti di maestrale soffieranno forti e faranno scendere nuovamente la temperatura.
«Di certo questo sarà un gennaio più freddo del solito: le previsioni a lungo termine ci indicano più perturbazioni e temperature leggermente inferiori alla media».

Quindi per chi si aspettava, dopo trent’anni, la città imbiancata magre speranze: «Solo se il vento dovesse girare, continua Torchiani, ma è difficile. Le nubi non sono consistenti, basta guardare il cielo: non ci troviamo in presenza di nembostrati (le nubi che danno la neve)». Insomma, il colonnello avverte: «Sperare si può se dovesse scendere un po’ di pioggia, qualche goccia potrebbe solidificarsi ma di più non si può dire. Il positivo del freddo di questi giorni è l’utilità per le colture di pesche e ciliegie: questi alberi da frutto hanno necessità di qualche giorno di freddo intenso in modo tale che le gemme, anziché diventare foglie, maturino in frutta».

Nella foto il Colonnello Torchiani
Commenti
14:45
Fino alle 12 di domani, la Protezione civile prevede una ventilazione sostenuta dai quadranti settentrionali sulla Sardegna. In particolare da domani pomeriggio e fino a lunedì mattina, sulla Sardegna si prevedono venti dal quadrante nord occidentale con intensità forte su tutte le coste e sui rilievi
© 2000-2017 Mediatica sas