Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaSicurezza › «Salvaguardare professionalità poligono di Quirra»
S.I. 5 gennaio 2015
Non vorremmo che, in una fase così delicata che negli ultimi anni ha visto il Poligono al centro di indagini da parte della Magistratura di cui è necessario porre la parola fine e conoscere una volta per tutte la verità, si giocassero partite romane», così da Cagliari i consiglieri regionali del Pd Sabatini e Comandini
«Salvaguardare professionalità poligono di Quirra»


CAGLIARI - «Il mancato rinnovo del contratto tra il Ministero della Difesa e l’agenzia della Nato Namsa, per le attività che i dipendenti di Vitrociset assicurano all’interno del Poligono Interforze di capo San Lorenzo, deve trovare una soluzione positiva a livello Nazionale, intraprendendo un’azione di riconversione e ripresa delle attività all’interno del poligono, scongiurando così la perdita di posti di lavoro in un territorio già colpito da una difficile crisi economica e sociale». Cosi i consiglieri regionali del Partito Democratico Comandini e Sabatini che spiegano: «Le attività dei tecnici della Vitrociset sono altamente specializzate e garantiscono, oltre alla manutenzione ordinaria degli impianti anche l’assistenza ai radar, come abbiamo potuto constatare in una recente visita da parte di una delegazione di Parlamentari e Consiglieri Regionali del Pd».

«Non vorremmo che, in una fase così delicata che negli ultimi anni ha visto il Poligono al centro di indagini da parte della Magistratura di cui è necessario porre la parola fine e conoscere una volta per tutte la verità, si giocassero partite romane che in un breve tempo potrebbero portare allo smantellamento progressivo di tutte le attività presenti nel PISQ con gravi conseguenze occupazionali per i territori dell’Ogliastra e Sarrabus-Gerrei». «Questo, alla luce anche di quanto sta capitando in altre regioni d’Italia, quali l’Umbria e soprattutto la Puglia, dove si sta realizzando un importante distretto aereospaziale in cui Finmeccanica ha già trasferito attività che prima venivano svolte a Quirra, o in Piemonte dove verrà realizzato un centro europeo di manutenzione, revisione e riparazione di tutti gli F35 in forza alla Nato, e che vede quindi la Sardegna fuori da ogni ragionamento in questo settore».

«Noi riteniamo invece che, all’interno di una graduale dismissione delle servitù militari, con le bonifiche necessarie per la salvaguardia dell’ambiente e della salute, si debba puntare con decisione a difendere tutte le professionalità e competenze che in questi anni sono maturate e, con esse gli investimenti e le infrastrutture realizzate, con il mantenimento del Poligono Interforze di Quirra, attraverso attività compatibili con la ricerca civile e militare, realizzando un Polo Aereospaziale dove tutte le maestranze della Vitrociset troverebbero la loro naturale collocazione, così come altre piccole e medie imprese del settore metalmeccanico». «Perché, altrimenti - chiudono gli esponenti democratici - si rischia che oltre il danno ci sia anche la beffa, dopo anni in cui la Sardegna ha pagato un prezzo altissimo in termini di servitù militari oggi, in una nuova frontiera di ricerca aereospaziale civile e militare, con notevoli investimenti europei in questo settore, si possa essere superati da altre regioni più attente e lungimiranti, pur avendo nel Poligono strutture e professionalità acquisite nel corso degli anni.»

Nella foto: il poligono di Quirra
Commenti
3/12/2016
Nella notte tra venerdì e sabato, circa 130 algerini sono sbarcati tra Capo Teulada, Porto Pino e Sant´Antioco
1/12/2016
«Per la prima volta, voce istituzionale ai volontari», dichiara l'assessore regionale della Difesa dell´Ambiente Donatella Spano
© 2000-2016 Mediatica sas