Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaRegione › «Zona Franca si fa con grossi vantaggi»
S.I. 7 gennaio 2015
«Le polemiche sulle entrate sono un rumore di fondo con cui bisogna convivere». E’ il pensiero dei consiglieri regionali di Sardegna Vera Efisio Arbau, Gaetano Ledda, Michele Azara e Raimondo Perra rispetto alla polemica sulle accise dei Riformatori
«Zona Franca si fa con grossi vantaggi»


CAGLIARI - «Le polemiche sulle entrate sono un rumore di fondo con cui bisogna convivere». E’ il pensiero dei consiglieri regionali di Sardegna Vera Efisio Arbau, Gaetano Ledda, Michele Azara e Raimondo Perra rispetto alla polemica sulle accise dei Riformatori. «Non c’è tempo da perdere con sterili polemiche su quello che poteva essere e non è stato ma ci dobbiamo concentrare su quello che potrà essere davvero praticato a favore della nostra comunità». I quattro consiglieri pensano alle entrate e alla zona franca: «abbiamo un'idea talmente semplice che poteva essere praticata da tutti in tempi brevi, senza strumenti legislativi, accordi con lo Stato e benché meno autorizzazioni europee. Si, un vero e proprio uovo di Colombo che speriamo diventi quello di Pigliaru e quindi dei sardi» dicono il capogruppo Arbau e gli altri componenti del gruppo.

«Pensiamo, infatti, - sostengono – che se lo stabilimento della Saras (la più grande industria sarda che rappresenta un terzo del Pil dell’isola) venisse inserito all'interno del perimetro del punto franco di Cagliari (come già stabilito dal disegno di legge 75 del 10 marzo 1998 “Norme di attuazione dello Statuto speciale della regione Sardegna concernenti l’istituzione della zona franca”), garantiremmo un vantaggio fiscale enorme alla più grande raffineria del Mediterraneo».


Secondo il disegno di Sardegna vera questo potrà avvenire in seguito ad un accordo tra la Regione Sardegna e la Saras con quest’ultima che trasferisce nell’isola i depositi commerciali attualmente posti nel continente ed in Spagna. Tutto questo porterebbe nelle casse della Regione circa un miliardo di euro di accise che oggi (per legge) la Saras “paga” nelle regioni in cui vengono posti in vendita i prodotti petroliferi.

«Questi soldi (un miliardo di euro) – secondo Sardegna vera - devono essere utilizzati per tagliare le tasse alle nostre imprese». In sintesi: a diritto vigente, diamo un vantaggio economico alla società che garantisce una buona parte del nostro Pil (quasi 12 miliardi di euro su 33 totali); portiamo un miliardo nelle casse regionali con il quale pagheremo buona parte delle tasse delle aziende sarde, con una fiscalità di vantaggio reale.
Commenti
29/4/2017
Il 2 maggio, si riuniscono la Prima Commissione Autonomia (alle ore 15) e la Quarta Ambiente (alle 16.30). All’ordine del giorno, l’audizione degli Ordini degli ingegneri e degli architetti e del Collegio dei geometri
28/4/2017
«Le Regioni devono unire le forze per rivendicare i propri diritti con il governo», ha dichiarato il vicepresidente regionale Raffaele Paci, che ha partecipato alla due giorni di approfondimento organizzata dal Consiglio regionale in collaborazione con la Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome
29/4/2017
Entro maggio è prevista la sottoscrizione del primo accordo di programma. Intanto, Nuoro, ha ospitato un incontro per la verifica dell´iter, con la presenza degli assessori regionali degli Affari generali Filippo Spanu e della Cultura Giuseppe Dessena
29/4/2017
«Difficoltà dovute a norme completamente nuove. Lavoriamo per superarle e garantiamo trasparenza dei conti pubblici», dichiara l´assessore regionale del Bilancio
29/4/2017
E’ inutile che mandi patetici comunicati con il suo “lo ho detto e lo ripeto”, l’assessore Paci e la Giunta Pigliaru sono stati bocciati prima dai numeri, poi dalla Corte Costituzionale e ora anche dalla Corte dei Conti
© 2000-2017 Mediatica sas