Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaAmministrazione › Divorzi low cost: a Cagliari il Consiglio decide martedi
M.L.P.C. 10 gennaio 2015
Separazioni e divorzi veloci: a Monserrato, Carbonia, Sassari e Nuoro sono una realtà. Per la modica cifra di 16 euro si potrà porre fine a un matrimonio. A Cagliari è arrivata una richiesta di informazioni: resta da vedere quando e se la delibera verrà approvata
Divorzi low cost: a Cagliari il Consiglio decide martedi


CAGLIARI - Separazioni e divorzi veloci: a Monserrato, Carbonia, Sassari e Nuoro sono una realtà. Cagliari sarà pronta? Forse martedì 13 se ne parlerà in consiglio comunale: e allora si vedrà se verrà approvata la delibera sulla richiesta congiunta di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio effettuate davanti all'Ufficiale dello Stato Civile. Al modico prezzo di 16 euro.

La procedura prevede che le parti possano rivolgersi al Municipio per chiedere informazioni sulla documentazione occorrente e per fissare un appuntamento per il giorno dell'accordo. Tutto questo in applicazione della legge 162 del 2014 che disciplina appunto la procedura veloce per la separazione.

Ci sono però delle restrizioni: ad esempio la procedura non è possibile quando ci sono di mezzo figli minori, o maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave, oppure economicamente non autosufficienti. A Cagliari è già arrivata in Municipio una richiesta di informazioni: resta da vedere quando e se la delibera verrà approvata.
Commenti
27/8/2016
I comunisti (e lo dico sicuro di fare un complimento a chi lo riceve, che si onora di esserlo) non perdono l´odiosa abitudine di provare a decidere chi deve parlare e cosa deve dire. Vecchie reminiscenze di un passato falce&martello, che dal suono della Balalaika li conduce alla "ballalaica" che la giovane classe dirigente, nel caso di specie, utilizza per difendere la "supposta" offerta di appuntamenti culturali che avrebbe proposto la tiepida estate Algherese
© 2000-2016 Mediatica sas