Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaTrasporti › Biglietti aerei per i sardi alle stelle. «Gli scali lucrano su Continuità»
Stefano Idili 14 gennaio 2015
Viaggiare in aereo per i sardi è sempre più costoso. La Continuità Territoriale non impedisce ai biglietti di raggiungere il doppio rispetto le tariffe prefissate. Questo per colpa delle tasse aeroportuali degli scali della Penisola. Denuncia del consigliere regionale di Forza Italia Ugo Cappellacci
Biglietti aerei per i sardi alle stelle
«Gli scali lucrano su Continuità»


CAGLIARI - Alla fine la brutta sorpresa arriva sempre. Quando, per diversi motivi, si deve viaggiare ci si imbatte nei costi sempre più esosi dei biglietti aerei. E questo per i sardi, vista la continuità territoriale, è un ulteriore schiaffo. Prezzi sempre più alti per raggiungere le maggiori città italiane. Da Alghero o Cagliari arrivare a Milano costa 83 euro. Un'enormità per un'unica tratta. La colpa sarebbe delle tasse introdotte dagli scali fuori dalla Sardegna. Cagliarioggi questa mattina (mercoledì) ha contattato telefonicamente il consigliere regionale Ugo Cappellacci che ha commentato tale situazione.

«Se con la Finanziaria Prodi-Soru i costi della continuità aerea sono stati accollati alla Sardegna, appare profondamente ingiusto che i benefici di uno sforzo finanziario sostenuto dalla Regione per abbattere il costo dei biglietti vengano significativamente attenuati a causa delle tasse aeroportuali degli scali della Penisola, che fanno rialzare il prezzo» il commento del consigliere di Forza Italia e già presidente della Regione Sardegna. «E’ questo meccanismo perverso – prosegue l’esponente azzurro -, che nelle rotte coperte dalla continuità territoriale 1 porta il costo per i passeggeri da una base di 45 e 55 euro, secondo la tratta, ad oltre 75 e 80 euro. In altre parole – spiega Cappellacci - la Sardegna sostiene un costo e gli aeroporti di Milano e Roma lucrano in maniera parassitaria per ogni passeggero in più, e sono molti, che transita per i loro aeroporti».

«Se lo Stato centrale non considera una questione nazionale i collegamenti con una porzione significativa del suo territorio, che è l’unico a vivere in pieno una condizione di insularit, e la Sardegna sostiene i costi della continuità, non è pensabile che questo impegno gravoso non solo non incontri alcuna compensazione, ma che addirittura in parte venga “predato” da altri territori. Poiché il passaggio dei costi della continuità aerea dallo Stato alla Sardegna rientrava nel più ampio accordo sulle entrate, delle due è l’una: o si rinegozia questo aspetto, prevedendo eque compensazioni a favore della Sardegna, alla quale non si possono chiedere gli stessi sacrifici di altre Regioni (visto che paga di tasca propria questa ed altre voci come la Sanità) oppure lo Stato si deve fare carico affinché i collegamenti con le isole non siano più oggetto di un’iniqua e sbilanciata tassazione aeroportuale».

Nella foto: Ugo Capellacci
Commenti
29/7/2016
Dal primo agosto, il documento di viaggio riporterà la data del viaggio indicata dal cliente. In dieci mesi, il pool antievasione ha controllato un milione di persone in tutta Italia
29/7/2016
L´eurodeputato del Pd Renato Soru commenta via Twitter la decisione della Commissione Europea sugli aiuti di Stato nel settore aereo in Sardegna
29/7/2016
La Commissione Europea condanna Cagliari ed Olbia e conferma la validità dei contributi co-marketing avviati nel 2002 dalla Presidenza Pili. «Pronti alla mobilitazione contro la privatizzazione degli aeroporti che porta a scomparsa low cost», dichiara l´ex presidente della Regione Sardegna Mauro Pili
29/7/2016
Il pronunciamento della Commissione Europea non è altro che la conferma del tempo che la Giunta Pigliaru e l´assessore Deiana hanno fatto perdere alla Sardegna in quest´ultimo anno e dei danni che hanno arrecato cosi facendo e rifiutandosi di finanziare l´aeroporto di Alghero e facendo cosi scappare Ryanair
29/7/2016
Alla luce di questo pronunciamento credo che il sindaco di Alghero sia incorso in un brutto scivolone, forse per recuperare il tanto tempo perso da novembre dello scorso anno, allorché ha chiesto ad un professionista un parere sulla compatibilità col Trattato europeo degli aiuti al traffico aereo low cost
29/7/2016
È il commento dell’eurodeputato del PPE Salvatore Cicu sulla notizia che arriva dalla Commissione europea in merito all’illegalità degli aiuti pubblici concessi dalla Regione Sardegna alle compagnie aeree selezionate che lavorano negli aeroporti di Cagliari e Olbia
© 2000-2016 Mediatica sas