Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Molentargius, il Tar ha deciso: abbattere le case degli abusivi
M.L.P.C. 15 gennaio 2015
I giudici del Tar Sardegna danno il via alle demolizioni a Medau Su Cramu, nel cuore dell’oasi naturalistica del parco di Molentargius a Cagliari: la casa abusiva di Lazzarino Porcu verrà spazzata via dalle ruspe
Molentargius, il Tar ha deciso: abbattere le case degli abusivi


CAGLIARI – I giudici del Tar danno il la alle ruspe: le case degli abusivi nel cuore del parco di Molentargius saranno demolite. I fabbricati dei fratelli Porcu sarebbero stati costruiti violando i rigidi vincoli che determinano l'inedificabilità all'interno del parco.
L'ordinanza di demolizione del Comune è stata adottata "su incarico dell'Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per dare esecuzione all'ordine di demolizione disposto con la sentenza 13.01.1997 n. 77, confermata nei successivi gradi di giudizio". Insomma, per i giudici del Tar Sardegna non ci sono i margini per sospendere l'intervento delle ruspe a Molentargius, almeno per quanto riguarda la casa abusiva di Lazzarino Porcu (difeso dagli avvocato Eulo e Paolo Cotza).

L'altra metà della villetta, anch'essa abusiva secondo Comune e Procura, è invece di proprietà del fratello Giancarlo: a lui i giudici amministrativi avevano concesso una sospensiva cautelare il 10 dicembre, sino alla decisione nel merito del suo ricorso fissata per il 18 marzo. Decisione che, invece, non è arrivata oggi per Lazzarino con l'ordinanza firmata dal collegio presieduto da Francesco Scano (a latere Antonio Plaisant e Alessandro Maggio), nonostante i legali avessero dato battaglia, anche a causa della natura dei due edifici.

Fanno parte di un unico fabbricato e, almeno secondo il loro consulente tecnico, in caso di demolizione del primo si danneggerebbe irreparabilmente anche il secondo. Scontato, a questo punto, un ricorso immediato al Consiglio di Stato, mentre anche la Procura affila le armi, pronta a nominare dei propri periti per verificare la possibilità di procedere ad una demolizione mirata della porzione di bifamiliare per la quale l'ordine non è stato sospeso.

Nella foto lo stagno di Molentargius
Commenti
21:16
Oggi pomeriggio, un elicottero dei Vigili del fuoco utilizzato per il servizio 118 è stato costretto ad un atterraggio di emergenza ad Elmas. Ora è prevista un'attenta verifica delle condizioni dell'elicottero per capire le cause del guasto, con particolare attenzione ai motori
2/12/2016
Giunta a Cagliari al seguito di un connazionale con la promessa di un lavoro, una 20enne romena si è trovata a prostituirsi per strada. Ora, è stata trasferita in una struttura protetta
3/12/2016
I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno sequestrato oltre 12500 articoli in violazione alla sicurezza dei prodotti, contraffazione e normativa a tutela del “made in Italy”
15:32
Gli agenti hanno scoperto in una Fiat 500 e sequestrato circa 1300 fuochi d´artificio non conformi alle leggi vigenti. Indagati due giovani fermati a bordo dell´autovettura
3/12/2016
Attorno alle ore 10, un malvivente, armato di fucile e con il volto coperto da un passamontagna, ha fatto irruzione e si è fatto consegnare il denaro presente nelle casse, scappando con circa 700euro
3/12/2016
I Carabinieri della locale Compagnia cercato un malvivente che, armato di pistola e con il viso parzialmente coperto, ha cercato di rapinare l´Eurospin di Via Cagliari
2/12/2016
Ieri sera, un uomo, con il viso coperto ed armato di coltello, è entrato nell´esercizio di Via Cagliari ed è scappato con circa 300euro. Tante le analogie con la rapina registrata ieri a Cagliari
2/12/2016
Rocco Celentano era accusato di aver falsificato le firme elettorali per la presentazione della lista del Psi alle Elezioni Provinciali del 2010. Il pubblico ministero Tommaso Giovannetti aveva chiesto una condanna ad otto mesi di reclusione
1/12/2016
Il giovane accusato di essere uno dei due killer che il 18 gennaio 2008 avevano ucciso a colpi di fucile il compaesano Sebastiano Sale, è stato rinviato a giudizio dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Nuoro Sara Perlo. Il giudice ha anche fissato la data della prima udienza che si terrà in Corte d´assise giovedì 20 aprile 2017
© 2000-2016 Mediatica sas