Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariTurismoRegione › Assessori regionali in Commissione: Expò sul tavolo
S.I. 16 gennaio 2015
La commissione Attività produttive, presieduta da Luigi Lotto (PD), ha sentito in audizione sulla Manovra finanziaria 2015-2017 gli assessori regionali del Turismo, dell’Industria e dell’Agricoltura
Assessori regionali in Commissione: Expò sul tavolo


CAGLIARI – La commissione Attività produttive, presieduta da Luigi Lotto (PD), ha sentito in audizione sulla Manovra finanziaria 2015-2017 gli assessori regionali del Turismo, dell’Industria e dell’Agricoltura. «Cambia l’approccio nella gestione delle risorse disponibili, prima si individuano gli obiettivi e poi si cercano le risorse». E’ quanto ha spiegato l’assessore regionale del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi. Al parlamentino l’esponente dell’esecutivo ha illustrato la nuova strategia della Giunta che vede l’integrazione delle risorse regionali, con quelle nazionali e comunitarie per comporre il Bilancio. Tra le novità l’accorpamento in un’unica voce di bilancio del Turismo, Cultura e Sport nell’ottica, ha spiegato l’assessore, nell’ottica di una riorganizzazione degli assessorati. Complessivamente il suo assessorato disporrà, assieme con la Cultura, di 125 milioni di euro, di cui il 55 per cento di fondi regionali, il 6 per cento fondi nazionali e il 35 per cento fondi europei. In particolare saranno destinati 48,9 milioni alla promozione e valorizzazione del turismo.

Le risorse sono poche, ha proseguito Morandi, 125 milioni non sono sufficienti, ma per l’artigianato e il commercio puntiamo a reperire fondi comunitari già individuati. Per l’artigianato l’obiettivo è di attivare finanziamenti a sportello per piccoli interventi, ma in grado di dare ossigeno alle attività. Per quanto riguarda il turismo, Morandi ha confermato che ci sono sia i fondi per partecipare all’Expo e garantire Bitas, da programmare per i primi giorni di ottobre. Morandi ha anche spiegato che la Giunta vuole puntare su alcuni temi: turismo enogastronomico, con la collaborazione dell’Agricoltura, con maggiore attenzione ai vini, al pane e ai formaggio, ma anche al tonno, allo zafferano e alla bottarga, e valorizzando gli agriturismo e le cantine, turismo culturale, con la collaborazione dell’assessorato della Cultura, e turismo nautico. Da parte dell’opposizione sono stati evidenziati dubbi sul reperimento delle risorse europee e sui tempi.

Il presidente Lotto ha proposto all’assessore di trovare il modo di valorizzare i prodotti enogastronomici sardi anche nel circuito della ristorazione tradizionale, non legato agli agriturismo. L’assessore ha accolto con favore il suggerimento del presidente. L’assessore dell’Industria, Maria Grazia Piras, ha spiegato che la stragrande maggioranza del budget deve essere destinata alle società partecipate 59 milioni e 200mila euro (Igea, Carbosulcis, Sigma Invest spa e Fluorite di Silius) su 190 milioni. Di questi fondi il 58 per cento sono regionali, il 3 per cento nazionali e il 39 europei. Ai 190 euro si sommano i 30 milioni del Fondo Equity per filiere e internazionalizzazione Sfirs e i contributi per le imprese agricole Fears. L’assessore ha evidenziato il difficile periodo che stanno attraversando le imprese ed è per questo che la Giunta punta ad attuare una serie di piani, tra cui il più rilevante è quello volto ad abbattere il costo dell’energia (13milioni 200mila euro) e già nel 2015 sarà scelta l’infrastruttura e il tipo di metano. L’assessore punta anche a una semplificazione burocratica e amministrativa, ma anche al sostegno all’innovazione tecnologica, ai Consorzi fidi industriali. Piras ha garantito che sono stati già messi a bando 800mila euro per le aziende che vogliono partecipare all’Expo e che ci saranno ulteriori finanziamenti. Nella Manovra, inoltre, sono previsti 11 milioni per lo Start up delle nuove imprese che sarà gestito da Sardegna ricerche. Tra le perplessità sollevate da alcuni commissari la disponibilità dei fondi regionali, pari a circa 69 milioni, di molto inferiori allo stanziamento degli scorsi anni per l’Industria. «Credo che dobbiamo riconoscere – ha risposto l’assessore Piras – che i fondi comunitari vengono spesi» e ha spiegato che, per i fondi comunitari già individuati, sono già stati fatti programmi di spesa fino al 2020.

Risorse limitate anche per l’Agricoltura, ha spiegato l’assessore Elisabetta Falchi, nel corso dell’audizione. L’assessorato all’Agricoltura può contare su 284 milioni di euro, di cui il 42 per cento da fondi regionali e il 58 per cento di fondi europei. L’esponente dell’Esecutivo ha evidenziato che si è trattato di un lavoro difficile che ha portato a consolidare alcune voci, come gli enti strumentali (68,2 milioni), Agris, Argea e Laore, con un taglio del 10 per cento. Un taglio, secondo l’assessore, che non consentirà di avere le risorse necessarie per il funzionamento degli enti fino alla fine dell’anno. Taglio del 10 per cento anche per i Consorzi di bonifica e organizzazioni professionali agricole che però avevano già subito un taglio importante lo scorso anno e che, su richiesta della Commissione, l’assessore si è detta d’accordo a trovare più risorse. Falchi, in risposta ad alcune polemiche apparse sulla stampa negli scorsi giorni, ha assicurato che ci sono 750mila euro per le attività di promozione e altri saranno recuperati dal Piano di sviluppo rurale per essere presenti nelle più importanti fiere dell’agroalimentare. L’assessore ha confermato la presenza della Sardegna a Berlino, al Vinitaly ed Expo. Tra le azioni che potranno portare a un importante risparmio per la Regione c’è il finanziamento con 4 milioni e 430mila euro per i Consorzi di difesa delle produzioni intensive, che garantirà un costo assicurativo tra i più bassi d’Italia.

Una situazione comunque molto difficile anche perché, rispetto agli anni passati, la quota del cofinanziamento della Regione per il Psr è passata da 90 a 210 milioni di euro da suddividere nei 6 anni. Da parte della commissione è stata chiesta maggiore attenzione per alcune voci tra cui quella degli avventizi (manca la copertura per il 2015), per la definizione esatta dei fondi da attribuire ad Ara e Apa.
Commenti
28/8/2016
«Come avvenuto già su trasporti, entrate, occupazione, ogni volta che parlano i dati, nella loro oggettività, la propaganda quotidiana della Giunta Regionale si schianta dinanzi alla prova dei fatti concreti», dichiara il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde
29/8/2016
«Consiglio Regionale, poche leggi, di cui il 50percento impignate dal Governo. Tutte le norme di un certo rilievo sono finite sotto la scure dell’incostituzionalità», dichiara il coordinatore regionale di Italia Unica
© 2000-2016 Mediatica sas