Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaRegione › La lingua sarda insegnata a scuola: proposta in Regione
S.I. 16 gennaio 2015
Il sardo potrebbe presto entrare nelle scuole. Una proposta di legge per l’insegnamento dell’idioma isolano, primo firmatario Paolo Zedda (Rossomori), è stata depositata in Consiglio regionale da tutti i gruppi di maggioranza e opposizione
La lingua sarda insegnata a scuola: proposta in Regione


CAGLIARI – Il sardo potrebbe presto entrare nelle scuole. Una proposta di legge per l’insegnamento dell’idioma isolano, primo firmatario Paolo Zedda (Rossomori), è stata depositata in Consiglio regionale da tutti i gruppi di maggioranza e opposizione. La proposta introduce modifiche sostanziali alla legge regionale n.26 del 1997 sulla “Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna”. In armonia con la legislazione nazionale, il testo prevede l’adesione all’insegnamento del sardo su base volontaria: saranno le famiglie degli studenti a chiederlo espressamente alle scuole.

«Rispetto alle disposizioni della vecchia legge 26 e della legge nazionale 482/1999 sulla “Tutela delle minoranze linguistiche” la nuova proposta punta a garantire continuità didattica e uniformità nell’insegnamento del sardo - ha detto Paolo Zedda – gli scolari delle scuole dell’infanzia avranno a disposizione 120 ore all’anno per l’apprendimento della lingua materna mentre i bambini delle elementari potranno seguire 80 ore di lezione». La norma, presentata oggi alla stampa, introduce alcune novità: a) l’istituzione del registro regionale degli insegnanti di sardo con la certificazione delle competenze linguistiche e didattiche dei docenti; b) la nascita della Consulta po s’imparu de su sardu (di nomina assessoriale) che avrà compiti di coordinamento e guida tecnico-scientifica dell’attività delle istituzioni scolastiche. Gli insegnanti saranno affiancati da un tutor che avrà il compito di dare assistenza ai docenti, riferire alla consulta sull’andamento della didattica, favorire la riattivazione della trasmissione intergenerazionale della lingua sarda.

All’insegnamento del sardo saranno destinati 3 milioni di euro all’anno per il prossimo triennio. «I soldi si troveranno – assicura Paolo Zedda – la proposta di legge è stata concordata con la Giunta e con la commissione competente. Ci aspettiamo la sua approvazione subito dopo il via libera alla manovra finanziaria 2015».

Per Gavino Sale (Irs), l’iniziativa consiliare segna “una rivoluzione culturale” favorita dal cambiamento di clima all’interno del Consiglio sul tema della lingua. «Questa proposta supera l’antica e stucchevole questione su quale variante sardo introdurre nelle scuole. Noi non ci occupiamo di linguistica, riservata agli accademici, ma di politica linguistica». Giudizio condiviso da Walter Piscedda (Pd) che ha assicurato il sostegno convinto del suo partito a una proposta che mette nero su bianco un sentimento diffuso nella società, favorevole all’insegnamento del sardo nelle scuole. Soddisfatta anche Annamaria Busia (Centro democratico) che ha ricordato la recente sentenza della Cassazione per l’uso del sardo nei processi. «Si tratta di una decisione molto importante – ha detto busia – imputati e testimoni saranno liberi di esprimersi nella loro lingua in tribunale, serve adesso un accelerazione per l’introduzione del sardo nelle scuole».
Commenti
28/8/2016
«Come avvenuto già su trasporti, entrate, occupazione, ogni volta che parlano i dati, nella loro oggettività, la propaganda quotidiana della Giunta Regionale si schianta dinanzi alla prova dei fatti concreti», dichiara il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde
29/8/2016
«Consiglio Regionale, poche leggi, di cui il 50percento impignate dal Governo. Tutte le norme di un certo rilievo sono finite sotto la scure dell’incostituzionalità», dichiara il coordinatore regionale di Italia Unica
© 2000-2016 Mediatica sas