Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaAmministrazione › «Il Lirico di Cagliari non può essere condannato a morte»
S.I. 16 gennaio 2015
Il teatro lirico di Cagliari non può essere condannato a morte da questo clima di guerra civile. Domani in una conferenza stampa promossa dal coordinamento cittadino e dal Centro studi verrà illustrata la proposta dei Riformatori
«Il Lirico di Cagliari non può essere condannato a morte»


CAGLIARI - Il teatro lirico di Cagliari non può essere condannato a morte da questo clima di guerra civile. Domani in una conferenza stampa promossa dal coordinamento cittadino e dal Centro studi verrà illustrata la proposta dei Riformatori. La situazione drammatica del Lirico necessità di un intervento urgente. Per questo motivo il coordinamento cittadino di Cagliari dei Riformatori sardi insieme al Centro Studi presenteranno domani, sabato 17 gennaio, alle 10.30, davanti al Teatro Lirico di Cagliari un’iniziativa volta a ricreare un clima di serenità e di reciproca fiducia indispensabile per il rilancio della principale istituzione culturale del capoluogo.
Commenti
17:42
Il sindaco ha presentato i suoi otto assessori. Entrano in Giunta Comunale i candidati più votati e gli alleati decisivi nel ballottaggio
23/6/2016
Con le relazioni del sindaco Guido Tendas e degli assessori comunali, il Consiglio Comunale ha iniziato l’esame del bilancio di previsione 2016
10:01 video
Via libera al Rendiconto 2015 del comune di Alghero con i voti unanimi della maggioranza, l´astensione dei consiglieri Cinque Stelle, Pd e Upc presenti, il voto contrario di Maurizio Pirisi di Forza Italia. Le immagini integrali delle sedute di consiglio di giovedì sera e venerdì mattina
23/6/2016
Manifestazione d´interesse rivolta ai proprietari di alloggi, relativa al progetto presentato al Ministero degli Interni dai Servizi Sociali del Comune per far fronte all´inserimento abitativo e sociale di rifugiati e titolari di protezione internazionale. C’è tempo fino a lunedì 4 luglio
© 2000-2016 Mediatica sas