Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Anfiteatro Cagliari: condannati fratelli Palmas
S.A. 4 marzo 2015
Dieci mesi anche alla presidente dell´associazione. Queste le condanne pronunciate dalle prima sezione penale del Tribunale di Cagliari per le presunte irregolarità legate alla gestione dell´Anfiteatro romano di Cagliari. Assolta la funzionaria comunale
Anfiteatro Cagliari: condannati fratelli Palmas


CAGLIARI - Un anno e dieci mesi per l'impresario musicale Massimo Palmas, otto mesi al fratello Michele e 10 mesi per Maria Gabriella Manca, presidente dell'associazione che organizzava i concerti. Assolta, invece, la funzionaria comunale Luisa Lallai. Queste le condanne pronunciate dalle prima sezione penale del Tribunale di Cagliari per le presunte irregolarità legate alla gestione dell'Anfiteatro romano di Cagliari. Scattata la prescrizione per i fatti compresi tra il 2005 ed il 2006, i giudici hanno limitato la sentenza alle sole contestazione del 2007.

Per la vicenda dell'uso illegittimo dell'Anfiteatro il dirigente del Comune di Cagliari, Bruno Soriga, aveva scelto il giudizio abbreviato: subito assolto dall'accusa di peculato, Soriga era stato condannato ad un anno per abuso d'ufficio in relazione all'affidamento dell'Anfiteatro e all'assegnazione dei festeggiamenti di Capodanno 2005.

Nel processo che si è appena concluso davanti al collegio presieduto da Mauro Grandesso, il pubblico ministero Daniele Caria aveva chiesto la condanna a tre anni e sei mesi di carcere per Massimo Palmas ed un anno e quattro mesi per il fratello Michele; due anni di reclusione anche per Maria Gabriella Manca, oltre che l'assoluzione per Luisa Lallai. L'inchiesta della Procura era scattata attorno all'affidamento diretto dell'Anfiteatro per l'allestimento di concerti e spettacoli alla società Sardinia Jazz dei fratelli Palmas, secondo l'accusa assegnata senza un procedimento di evidenza pubblica.
Commenti
19/1/2017
Questa mattina, alla fermata Ctm di Piazza IV novembre, un giovane ha provato ad entrare dalla porta centrale del bus senza biglietto e, alle rimostranze del controllore, lo ha prima preso per il collo e poi ha tolto un coltello da tasca. I Carabinieri della locale Compagnia lo hanno arrestato per lesioni, minacce e resistenza
11:22
Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, l´abitazione di un 42enne di iglesias, in località Sa Stoia, è stata obiettivo di alcuni colpi d'arma da fuoco sparati contro la porta e la finestra
19/1/2017
L´inchiesta risale al 2012 ed è legata alla contestata terapia ideata dal neurologo Giuseppe Dore, di 46 anni, di Ittiri. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, abuso d´ufficio, maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona e omicidio colposo
18/1/2017
A bordo del traghetto attraccato a Livorno sono intervenuti i volontari del 118 col medico, che nulla hanno potuto fare se non constatarne il decesso. All´origine della morte, probabilmente, un arresto cardiaco
18/1/2017
Un uomo si è finto il maresciallo dei Carabinieri di Carloforte per farsi pagare via Poste Pay 140euro per un telefono cellulare mai arrivato a destinazione
18/1/2017
Ieri sera, il proprietario del punto vendita di Via Gramsci, a Quartu Sant´Elena, è riuscito a disarmare ed a far scappare il ladro
19/1/2017
L´udienza davanti al Gup è stata fissata per il prossimo 20 febbraio. I reati contestati sono quelli di peculato, falso ideologico, falso materiale e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente
18/1/2017
Il Tribunale del riesame di Sassari ha accolto l’istanza di dissequestro dell’azienda agricola di Surigheddu e Mamuntanas. La prima battaglia in Aula è stata vinta dai 14 allevatori che utilizzano le terre del Demanio
18/1/2017
Nel tardo pomeriggio di ieri, gli agenti della Sezione Volanti ha denunciato in stato di libertà per tentato furto un giovane, già noto alle Forze dell´ordine, residente in un centro dell’hinterland sassarese
12:09
I militari della Tenenza della Guardia di finanza, hanno scoperto una truffa milionaria ai danni della Comunità europea per contributi pubblici indebitamente percepiti da un´impresa di Portoscuso
© 2000-2017 Mediatica sas